wageindicator logo Iltuosalario.it

Stipendio e Lavoro

Stipendio minimo

Anche se, secondo l'articolo 36 della Costituzione, il salario del lavoratore deve essere non solo proporzionato alla qualità e alla quantità del lavoro svolto, ma anche in grado di assicurare un minimo vitale per il lavoratore e per la sua famiglia, in Italia non esiste uno stipendio minimo per legge, quindi non c'è una legislazione specifica. Circa la metà dei lavoratori dipendenti è coperta da un contratto collettivo nazionale (CCNL), che definisce i minimi retributivi. I CCNL sono stipulati fra le organizzazioni dei datori di lavoro, i sindacati, le confederazioni di sindacati e le confederazioni delle organizzazioni dei datori di lavoro. Anche il Governo può stipulare contratti collettivi, ma solo con i lavoratori del settore pubblico.

Gli stipendi minimi variano a seconda del settore, perchè i CCNL sono per la maggior parte settoriali. All'interno di uno stesso settore, gli stipendi minimi variano anche in base al livello di competenza del lavoratore.

(Costituzione della Repubblica Italiana, art. 36)

Pagamento regolare

I contratti collettivi di solito prevedono il pagamento mensile, anche se dipendente e datore di lavoro possono accordarsi su un diverso intervallo (settimanale o quindicinale). Secondo l'articolo 1277 del Codice Civile, la retribuzione deve essere pagata con moneta avente corso legale. Il pagamento può essere effettuato in contanti o, se il lavoratore è d'accordo, con assegno o bonifico bancario o postale.

(Codice Civile, art. 1277)

Leggi su stipendio e lavoro

  • Costituzione della Repubblica Italiana, 1948 / Constitution of the Italian Republic, 1948
  • Codice civile (Regio Decreto 16 marzo 1942, n. 262, aggiornato nel 2013) / Civil Code (Royal Decree of 16th March 1942, n. 262, revised in 2013)
  • CCNL Metalmeccanici / Metal Workers collective agreement
Cita questa pagina © WageIndicator 2017 - Iltuosalario.it - Stipendio e Lavoro